Alla scoperta di TT racconta
CONDIVIDI

15 Feb, 2018

Articoli e video creati per il progetto di TTracconta durante l'alternanza.

Video liceo V. Gambara

Video liceo Gambara

Articolo sull'esperienza a TTracconta

Venerdì 26 Gennaio nella sede di Teletutto, in particolare nel programma “Telettutto racconta” condotto da Andrea Lombardi un gruppo di studentesse dell'istituto superiore Veronica Gambara -dopo aver partecipato per una settimana ad un tirocinio curricolare nella sede del Giornale di Brescia- ha intervistato il referente dell'alternanza della loro scuola in merito all'esperienza di tirocinio. Le domande poste riguardavano sia dati nazionali raccolti durante alcune ricerche da loro svolte in merito che dati specifici riguardanti il liceo Gambara.

La prima domanda riguardava i costi dell'alternanza che molti studenti a livello nazionale sono costretti ad affrontare, il professor Daniele Fabris ha prontamente risposto che sta alla scuola la progettazione di percorsi di attività economicamente non gravosi, infatti l'istituto dovrebbe essere in grado di organizzare le attività di modo che non comportino costi eccessivi a carico delle famiglie, che al massimo si troveranno a fronteggiare le spese di trasporto verso la sede del tirocinio.

Sempre su dati nazionali si è parlato della retribuzione, secondo molti d'obbligo, per il lavoro svolto in alternanza. Gli studenti che protestano infatti dichiarano che dovrebbero essere pagati in quanto stanno svolgendo un lavoro gratuitamente. Vengono descritti quindi i vari tipi di tirocini e viene specificato che il tirocinio curricolare non è un tirocinio lavorativo e che quindi per legge lo studente non può ricevere nessun tipo di retribuzione.

Ma sono state poste anche domande riguardanti in particolare il liceo Gambara, nel quale è stata presentata dagli studenti una carta dei diritti e necessità in alternanza, molto apprezzata dal professore che si rende disponibile ad accogliere queste richieste. Il professore mette inoltre in luce la buona volontà e l'interesse dimostrato dagli studenti riguardo questo nuovo progetto, la carta però comporta anche dei doveri da parte degli alunni che quindi dovrebbero continuare ad impegnarsi a livello scolastico, frequentando normalmente le lezioni e mettendosi in pari con i compagni, richiesta eccessiva dal momento che gli alunni si troveranno metà della giornata a scuola e metà in azienda, gli risulterà quindi difficile svolgere le attività dettate dall'ambiente scolastico. Per questo motivo già da alcuni anni al liceo Veronica Gambara si attua la sospensione temporanea delle lezioni, che permette a tutti di essere in azienda nello stesso periodo. Rispettando questo criterio, quindi, le attività svolte non potranno essere troppo variegate, molto spesso quindi non si potrà seguire la vocazione di ogni singolo studente ma si dovrà dare maggior rilevo alle attività collegate all'indirizzo di studio o ad attività che impieghino l'utilizzo delle loro competenze specifiche.

Le domande sono state ritenute molto attuali e pertinenti dal professore intervistato che aggiunge che in alcuni licei l'alternanza risulta una forzatura per il numero eccessivo delle ore e per la necessità di dover scegliere attività collegate all'indirizzo di studio.

Articolo sull'alternanza scuola-lavoro

Dal 22 al 26 dello scorso gennaio ad alcuni studenti del Liceo Veronica Gambara è stata data la possibilità di partecipare ad un’esperienza di alternanza scuola-lavoro presso la sede del Giornale di Brescia. Durante i primi due giorni, i ragazzi hanno assistito a delle lezioni teoriche tenute da giornalisti ed esperti che operano nel campo dell’editoria, i quali gli hanno spiegato in cosa consiste il proprio lavoro. I corsi si sono incentrati in particolare sulla distinzione esistente fra il giornale cartaceo, gli articoli online e i contenuti condivisi sui social network, argomento che li ha particolarmente toccati, in quanto più vicino alla loro generazione. Successivamente, la classe è stata divisa in quattro gruppi di lavoro distinti, ognuno dei quali aveva compiti diversi da svolgere: chi doveva partecipare a delle dirette tv e radio, chi faceva interviste e chi organizzava eventi. Ai ragazzi è stato quindi chiesto di essere autonomi per quanto riguarda la ricerca del materiale su cui lavorare e l’organizzazione dei progetti. Gli studenti sono stati inoltre responsabilizzati dagli orari di lavoro da rispettare, e hanno dovuto saper conciliare gli impegni scolastici e quelli lavorativi. Sono state messe alla prova le loro capacità di organizzazione e di gestione del tempo, abituandoli al mondo del lavoro. In conclusione, l’esperienza si è rivelata adatta a soddisfare la creatività dei ragazzi, ma soprattutto concreta e formativa.

Gruppo di lavoro
Liceo Veronica Gambara
COMPONENTI

Laura Ghidini, Ester Sadiku, Benedetta Fasani, Marta Varotto, Chiara Nicolai

Altri progetti
Istituto Madonna della Neve   29 Jun, 2018
Istituto Madonna della Neve   22 Jun, 2018
Istituto Madonna della Neve   16 Jun, 2018