I giovani e #Loggia2018
CONDIVIDI

04 Jun, 2018

Articoli, video e immagini che raccontano le elezioni amministrative di Loggia 2018 e la nostra esperienza al Giornale di Brescia

LA VOCE DELLA CITTA: Brescia tra sondaggi e opinioni (testo destinato all'edizione cartacea)

Il 23 maggio gli studenti impegnati nell’alternanza scuola/lavoro al Giornale di Brescia si sono messi in gioco tuffandosi nel vivo del fermento cittadino. Si sono infatti recati nei luoghi più frequentati dai bresciani per definire come è percepita e vissuta la città dai suoi abitanti e non solo.

Più d'uno dei cittadini incontrati ritiene che la città sia molto migliorata negli ultimi anni grazie ai vari interventi messi in atto dall’amministrazione. Non mancano naturalmente i punti critici e tra questi alcuni dei nostri intervistati hanno ricordato il traffico, la vigilanza nei quartieri e la mancanza di pulizia nelle strade.

«Vorrei entrare a far parte delle forze dell’ordine per mantenere la sicurezza in città. Ci sono già abbastanza addetti alle multe» riporta un Vigile. Non è il solo a pensarla così, i negozianti hanno problemi a trovare parcheggio, spesso ricevono multe durante l’azione di carico e scarico merci per la loro attività. Inoltre, anche la problematica legata al traffico intenso è sentita in modo particolare. Tutti gli studenti intervistati – di Brescia e non – denunciano difficoltà nel raggiungere ognuno i rispettivi istituti in orario a causa del traffico congestionato e di una poca efficienza – a loro dire- dei mezzi di trasporto pubblici.

Nando Pagnoncelli, presidente della società demoscopica IPSOS Italia, che per il Giornale di Brescia ha svolto un sondaggio, pubblicato in cinque puntate, su tematiche vicine all'opinione pubblica in vista delle prossime elezioni amministrative di giugno, ha confermato l’attendibilità delle indicazioni raccolte dagli studenti.

Su questi temi Pagnoncelli ha tenuto un incontro con tutti i candidati sindaco presso la Sala Libretti del Giornale di Brescia, per chiarire e approfondire gli argomenti da lui trattati nel sondaggio. Alla domanda di Maria Carmen Marchetta, nostra collega studentessa con noi impegnata in alternanza, su quale sia la vicinanza dei giovani al voto e quanto i giovani oggi potrebbero incidere come votanti o candidati, Pagnoncelli ha risposto che il 35% dei ragazzi si astiene dal voto. Ciò non viene determinato solo dal loro disinteresse nella politica, ma anche dal disinteresse che la politica stessa ha nei loro confronti.

Accade troppo spesso, infatti, che, al fine di raggiungere la maggioranza, i politici puntano ad ottenere i consensi dei gruppi maggioritari, che di fatto non sono rappresentati dai giovani.

Anche per questo motivo i giovani si astengono sempre più dal voto e si allontanano dal mondo politico, che non tiene in considerazione di quelle che sono le loro esigenze.

Brescia resta comunque ai primi posti, sia a livello regionale che nazionale, per quanto riguarda l’occupazione, il decoro e il mantenimento della città.

Questo infonde fiducia ai cittadini, che hanno particolari aspettative nei confronti dell’amministrazione.

Video Intervista, Brescia si racconta

Video Social

BRESCIA SI RACCONTA: tra orgoglio, fiducia e speranza (testo destinato al web)

I giovani impegnati nell’alternanza presso il Giornale di Brescia si sono buttati nel vivo del fermento cittadino per informarsi sull’opinione dei bresciani riguardo alla città.

Sono arrivati commenti ed informazioni di ogni tipo.

Quanto, in realtà, i cittadini sono soddisfatti della loro città?

In linea di massima si ritengono fortunati ed orgogliosi di vivere a Brescia.

Per lo più i commenti sono risultati positivi, anche se non mancano lamentele di vario genere, che riguardano principalmente il traffico, la vigilanza e la presenza insufficiente delle forze dell’ordine.

«Vorrei entrare a far parte delle forze dell’ordine per mantenere la sicurezza in città. Ci sono già abbastanza addetti alle multe» riporta un vigilante.

Le stesse problematiche sono state riscontrate da Nando Pagnoncelli, presidente della società demoscopica IPSOS Italia.

Durante la conferenza organizzata dal Giornale di Brescia il sondaggista ha evidenziato inoltre la problematica della distanza dei giovani dalla vita politica. Questo, secondo Pagnoncelli, è giustificato dal disinteresse da parte della politica nei confronti dei giovani, puntando principalmente ai gruppi maggioritari per ottenere più consensi.

Questo pensiero è condiviso da molti cittadini che ritengono importante dare più spazio ai giovani attraverso iniziative per coinvolgerli maggiormente nella vita sociale.

Brescia è comunque una delle città più sviluppate a livello culturale, economico e sociale sia in ambito regionale che nazionale.

DATI ALLA MANO, Brescia secondo IPSOS (box di approfondimento)

Il 23 maggio, presso la sede del Giornale di Brescia, Nando Pagnoncelli, presidente della società demoscopica IPSOS, ha tenuto una conferenza riguardo ai dati raccolti relativi all’andamento generale della città di Brescia. Tra i presenti alla conferenza anche i candidati sindaci alle nuove elezioni comunali di giugno. Durante l’incontro Pagnoncelli ha portato i dati raccolti sui temi più sentiti dai bresciani.
La situazione economica rassicura i cittadini. Il 66% della popolazione ha un impiego, la cassa integrazione non è mai stata così bassa dal 2008, i depositi bancari sono cresciuti dell’8,6% e sono stati raggiunti importanti risultati per le imprese bresciane. Rimangono indubbiamente problemi per chi non ha lavoro, sebbene la città si sia messa in moto per aiutare le persone in difficoltà.
Persiste la percezione del problema dell’inquinamento, del traffico e della sicurezza. Si sono notati dei miglioramenti ma i cittadini non sono ancora soddisfatti. Tra gli argomenti più sentiti compare quello dell’immigrazione, ma attualmente la città non è particolarmente ostile all’arrivo di persone appartenenti a diverse culture.
In generale ai bresciani interessa la valorizzazione della città e dell’individuo, fattori che non dipendono dal partito politico che la guida, ma dalla fiducia che essi ripongono nell’amministrazione, qualunque essa sia.
Si è inoltre evidenziato che c'è un sentimento molto forte a legare i bresciani, detto "brescianità", per il quale ogni cittadino si sente pervaso dalla gratitudine per essere nati o vivere nel bresciano, per lo stile di vita condotto in città e per la classe, quiete ed eleganza che secondo i bresciani arieggia nel territorio; tutto ciò sempre accompagnato da un potente senso d'appartenenza, il che rende i cittadini fieri ed orgogliosi di vivere in una città come Brescia.

Gruppo di lavoro
I.I.S. Einaudi
COMPONENTI

Maria Carmen Marchetta
Federico Margariti
Evelin Macedo Da Cruz
Alessia Fassoli
Sofia Letizia Ravelli

Altri progetti
Istituto Madonna della Neve   29 Jun, 2018
Istituto Madonna della Neve   22 Jun, 2018
Istituto Madonna della Neve   16 Jun, 2018