Tempo libero e benessere economico: si può essere felici risparmiando?
CONDIVIDI

03 Feb, 2017

Cercando di analizzare in quale modo i bresciani preferiscano spendere il proprio tempo libero, ci siamo focalizzate sull'aspetto economico che un certo stile di vita comporta. Con la crisi degli ultimi anni è cambiata la percezione che abbiamo di divertimento e relax?

Tempo libero e benessere economico: si può essere felici risparmiando?

ARTICOLO PER L''EDIZIONE CARTACEA - Benessere e tempo libero, due ambiti da considerare per valutare la qualità della vita. Ma quel è il rapporto tra i due?
Un territorio per avere una buona qualità della vita deve offrire un'ampia gamma di attività a cui partecipare. La nostra provincia per esempio mette a disposizione molte opportunità, siano esse appuntamenti fissi, come festival o mostre, oppure luoghi in cui semplicemente passare il tempo, come negozi o oratori. Grazie alle attività proposte, Brescia è riuscita a raggiungere il 41° posto tra le province italiane nella classifica del "Sole 24 ore" per quanto riguarda l'ambito del tempo libero.
Una famiglia però non sempre ha le risorse economiche sufficienti per permettersi ogni svago. Proprio in questo senso tempi libero e benessere economico sono fortemente legati l'uno all'altro. La crisi degli ultimi anni ha cambiato questo rapporto. Per risparmiare le persone cercano modi diversi per passare il tempo libero, che comportino in particolare un minor dispendio di denaro. Anche i comuni hanno dovuto adeguarsi effettuando dei tagli.
Con la crisi molti bresciani si sono trovati costretti a rinunciare a passatempi costosi, ma hanno scoperto nuove attività che permettono loro di spendere poco o nulla magari anche aiutando gli altri, come il volontariato.
Tempo libero e benessere economico sono dunque strettamente legati, ma non abbastanza da compromettere significativamente la qualità della vita in un determinato territorio.

IL VIDEO - Intervista al Dottor Umberto Angelini

Intervista al Dottor Umberto Angelini

SCHEDA DI APPROFONDIMENTO PER L'EDIZIONE CARTACEA
1.Il teatro è soddisfatto del tipo di pubblico che ha?
"Noi siamo molto soddisfatti del pubblico che abbiamo sia per la quantità che per la qualità, specialmente per presenze giovani. Certo noi avremmo comunque la possibilità di ospitare più persone, ma la vera sfida non è avere più presenze, ma riuscire ad avere una proposta culturale e artistica che va anche al di là del singolo spettacolo."

2.Quali tipologie di spettacolo riscuotono più successo?
"La stagione d'opera attrae storicamente un maggior numero di spettatori. Al momento si fa sentire anche la presenza della danza contemporanea. A riguardo siamo tra i primi in Italia sia per proposta artistica che per quantità di spettatori. Un'altra tipologia importante è quella delle grandi orchestre. Se il teatro avesse una maggior disponibilità economica offrirebbe un cartellone di appuntamenti più vasto."

3.Anche il mondo del teatro ha subito la crisi o ne è rimasto immune?
"Noi non abbiamo sentito la crisi in termini di presenze, anzi siamo cresciuti e probabilmente questo è dovuto al fatto che le crisi spingono le persone a riflettere su quelle che sono le priorità e quindi concentrarsi di più su un uso intelligente del tempo libero. Al contrario abbiamo però sentito la crisi dal punto di vista economico a causa della contrazione delle risorse private da parte degli imprenditori bresciani."

4.Perché secondo lei la crisi non ha influito sul pubblico?
"Credo sia legato a due fattori. Il primo è che le persone hanno capito come investire meglio le proprie risorse. L'altro aspetto è legato alla politica dei prezzi del teatro che è molto equilibrata Per gli studenti abbiamo ideato un biglietto con 50% di sconto, mentre abbonamenti per gli under 30 e per gli under 18 per la stagione d'opera e dei carnet per il resto della stagione."

Tempo libero e benessere economico: si può essere felici risparmiando?

TESTO PER IL WEB - Benessere economico e tempo libero, due ambiti da considerare per valutare la qualità della vita. Ma qual è il rapporto tra i due?
Un territorio, per avere una buona qualità della vita, deve offrire un'ampia gamma di attività a cui partecipare. La nostra provincia per esempio mette a disposizione molte opportunità, siano esse appuntamenti fissi, come festival o mostre, oppure luoghi in cui passare semplicemente un po' di tempo, come negozi od oratori. Grazie alle attività proposte, Brescia è riuscita a raggiungere il 41° posto tra le province italiane nella classifica del Sole 24 ore per quanto riguarda l'ambito del tempo libero.
Una famiglia però non sempre ha le risorse economiche sufficienti per permettersi ogni svago. Proprio in questo senso tempo libero e benessere economico sono fortemente legati l'uno all'altro.
La crisi degli ultimi anni ha cambiato questo rapporto. Per risparmiare le persone cercano modi diversi per passare il tempo libero, che comportino in particolare un minore dispendio di denaro. Anche i comuni hanno dovuto effettuare diversi tagli a riguardo.
Con la crisi molti bresciani, si sono trovati costretti a rinunciare a passatempi costosi, ma hanno scoperto nuove attività che permettono loro di spendere poco o nulla magari anche aiutando gli altri, come il volontariato.
Tempo libero e benessere economico sono dunque strettamente legati l'uno all'altro, ma non abbastanza da compromettere significativamente la qualità della vita in un determinato territorio.

Gruppo di lavoro
Liceo Scientifico N. Copernico
COMPONENTI

Fontana Veronica e Zaja Rebecca

Altri progetti
Istituto Madonna della Neve   29 Jun, 2018
Istituto Madonna della Neve   22 Jun, 2018
Istituto Madonna della Neve   16 Jun, 2018